home page


Ladomir uno studio professionale nato a Milano nel 2003 per iniziativa di Eugenio Alberti Schatz. Qui trovi le credenziali e i propositi di Ladomir. Ma anche, nella sezione Eugenio Alberti, i testi e le immagini che formano il retroterra individuale del suo animatore.


| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |

[7/10/2011]

Una mattinata al museo a riflettere

"Tre ore. Tre domande. Tre relatori per ogni tema che riflettono ad alta voce sugli scenari contemporanei del sempre più liquido mondo della comunicazione." Questo è in estrema sintesi il format del seminario che per il secondo anno organizziamo insieme a Pietro Cerretani nell'ambito della Settimana della Comunicazione. Il titolo di quest'anno è stato Quando pensi, alza il volume. È stata una bella mattina, nella sala decorata da Italo Rota dentro il Triennale Design Museum con assi di legno odorose e sciami di schermi appesi al soffitto come in Matrix. Pubblico attento e direi inchiodato alle sedie, relatori appassionati e a loro agio. Far collidere i saperi è rischioso ma, quando funziona, altamente proficuo per le menti. Non è giusto che il sabba dei talk show televisivi uccida il piacere della discussione fra persone che hanno qualcosa da dire.

In generale, i comunicatori dovrebbero recuperare una sana attitudine umanistica, ascoltare e leggere libri formandosi una visione del mondo più ampia, che trascenda il condominio del settore o del mercato. Se è vero che sono gli ingegneri di flussi di messaggi caldi e freddi, anche gli ingegneri alla sera leggono o vanno a teatro. Occorrerebbe insomma che conoscessero un po' di più che cosa scorre all'interno dei tubi che posano. Se così facessero, il panorama della comunicazione (italiana) migliorerebbe nel giro di una settimana.


[20/9/2011]

Come nani alle caviglie dei giganti

Gualtieri fa parte di quel numero di cittadelle a cavallo del Po che qualcuno ha felicemente definito 'capitali di se stesse' (lo stesso autore, a proposito delle piazze teatrali e sovradimensionate, parla di 'affascinante incongruenza'): Carpi, Guastalla, Sabbioneta, Gualtieri... Ecco, a Gualtieri si è inaugurata il 18 settembre 2011 la mostra Poiesis a cura di Mauro Buzzi, nell'immenso Salone dei Giganti di Palazzo Bentivoglio. Ci sono anche cinque lavori miei, se passate da quelle parti la mostra è aperta per tutto ottobre (nelle sale accanto, senza sovrapprezzo, l'esposizione permanente di un cittadino illustre, il naif Antonio Ligabue).

Dal mio testo in catalogo: "Noi sappiamo già tutto in anticipo, e se non lo sappiamo andiamo su google. La mia scommessa è che invece proprio nell'ovvietà della comunicazione forse ci si può imbattere in piccole scoperte, piccole sorprese maliziose o tragiche. Bisogna andare a cercare la polvere sotto lo zerbino. Sono piccole granate di ovvietà. Sembrano già viste dette fatte eseguite citate riprese, ma non lo sono fino in fondo. Questo delta, quest'area di ambiguità mi interessa."


| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |